charset ?>"> Carenza di medici all'ospedale di Borgosesia

Carenza di medici all'ospedale di Borgosesia

15 gennaio 2020 20.10.59 GMT+01.00



In questi giorni, presso l’ospedale di Borgosesia mancano specialisti assunti e, per poter coprire i turni notturni del pronto soccorso, ci si è dovuti rivolgere a del personale esterno. Purtroppo, non è la prima volta che un fatto del genere accade. Nel frattempo, l’assessore regionale alla sanità sta aprendo alla possibilità di affiancare delle strutture private ai pronto soccorso pubblici in tutto il Piemonte.

Il problema è che qua si vuole smontare pezzo per pezzo la sanità pubblica, togliendo prima risorse alle strutture pubbliche, per poi proporre soluzioni che prevedano l’ingresso dei privati. La salute è un bene fondamentale e non possiamo permettere che questa diventi in alcun modo fonte di lucro per qualcuno. Fortunatamente, dal governo arrivano notizie positive. La legge di bilancio per gli anni 2020 e 2021 prevede lo stanziamento di ulteriori 25 milioni di euro per le borse di studio per le specializzazioni di medicina, in modo da sopperire alla mancanza di medici specializzati e a far fronte al problema dei troppi laureati in medicina che non riescono a proseguire gli studi con la specialistica. Sono inoltre previste per l’anno in corso delle misure per la stabilizzazione del personale del Sistema Sanitario che lavora con contratti precari.

L’assessore regionale pensi ad organizzare una sanità territoriale degna di questo nome e a finanziare in maniera adeguata le ASL piemontesi, invece di avanzare proposte scellerate di coinvolgimento dei privati.



Commenti

Nessun risultato trovato