Carenze e disservizi nella sanità valsesiana

26 luglio 2018 22.05.14 GMT+02.00



Nei giorni scorsi il capogruppo di Liberi e Uguali al consiglio regionale Marco Grimaldi ha presentato un’interrogazione a risposta urgente all’assessore alla sanità Saitta, al fine di chiedere delucidazioni riguardo alle carenze di personale della Asl di Vercelli. Tali carenze hanno portato alla chiusura delle sedi di radiologia delle case della salute di Gattinara e Santhià e ad un dirottamento di pazienti dall’ospedale di Borgosesia a quello di Vercelli per poter effettuare delle ecografie.

Apprendiamo dai giornali in questi giorni che anche il punto nascite di Borgosesia rimarrà chiuso nei mesi di agosto e settembre, a causa di una mancanza di organico. Le nostre preoccupazioni non sono infondate.
È passato più di un anno dallo sblocco del turn over, ma ancora non esiste una pianificazione delle assunzioni nelle Asl, volta a garantire un numero di operatori adeguato a far fronte alle esigenze dei territori. Una pianificazione delle assunzioni di questo tipo va fatta il più presto possibile, sia per evitare situazioni di disagio che oggi tante persone stanno subendo, sia per poter garantire un posto di lavoro a tutto quel personale specializzato che attende di uscire dalla precarietà.

La pagliacciata di incatenarsi di fronte all’ospedale, fatta dal sindaco di Varallo e da pochi altri suoi accoliti, non migliorerà di certo la situazione. Ma in fondo, la differenza tra chi fa politica e chi fa carnevalate si vede.



Commenti

Nessun risultato trovato