Uno spreco monumentale

10 aprile 2018 22.04.19 GMT+02.00



L’amministrazione di Borgosesia, nonostante le critiche ricevute da più fronti, ha comunque deciso di continuare con l’assurdo progetto di una fontana monumentale da collocare in piazza Mazzini. Per realizzare l’opera è preventivato un costo di 250 mila euro. Da pochi giorni si è saputo che questa fontana sarà dedicata ad Emanuela Setti Carraro, moglie del generale Dalla Chiesa, entrambi uccisi dalla mafia.

Onorare la memoria di una vittima di mafia dedicando ad essa una piazza o un luogo pubblico di qualsiasi genere è sicuramente un gesto lodevole, farlo sperperando centinaia di migliaia di euro è insensato. Ma ciò è ancora più insensato quando a Borgosesia c’è lo stabile del vecchio ospedale in disuso e una casa di riposo che ha carenza di spazi. Un buon amministratore avrebbe utilizzato quei soldi per la riqualificazione del vecchio ospedale, in modo tale da poter ampliare gli spazi della casa di riposo, magari intitolando proprio una sala di questa ad Emanuela Setti Carraro. Purtroppo però si preferisce spendere soldi per fare a gara a chi ha la fontana più grossa.



Commenti

Nessun risultato trovato